L’occupazione in Campania: i dati Istat del 2° trimestre 2017

Nel secondo trimestre 2017 l’occupazione aumenta in Campania di ben 49.300 unità circa
rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Il dato tendenziale (pari al +3%) è
superiore sia a quello nazionale (+0,7%) sia a quello del Mezzogiorno (0,4%). L’aumento degli
occupati si registra sia per la componente maschile (circa 38.000 unità) sia per quella
femminile (circa 11.000 unità). A seguito di questi andamenti la quota di occupate sul totale si
contrae lievemente (35,2% contro il 35,5% del II° trim. 2016). Stessi andamenti nel
Mezzogiorno e nel Paese per entrambe le componenti, ma in Italia l’incremento della
componente femminile è stato nettamente superiore a quello della componente maschile.

L’analisi dei dati riferita ai settori produttivi mostra che la crescita occupazionale ha riguardato
tutti i settori ad eccezione di quello dell’agricoltura. In particolare quello dell’industria in senso
stretto ha fatto registrare un aumento di circa 17.400 unità, quello delle costruzioni di 8.300
unità, quello degli altri servizi di 13.100 unità e infine quello del commercio, alberghi e
ristoranti di 11.100 unità. La contrazione degli occupati nel settore dell’agricoltura è stata
invece di circa 600 unità. Nel Mezzogiorno perdono occupati i settori delle costruzioni e degli
altri servizi, mentre in Italia quello dell’industria in senso stretto e quello delle costruzioni.

Le persone in cerca di occupazione in Campania crescono ancora (+6,2%) per entrambe le
componenti di genere (+3,8% per la maschile e +9,6% per la femminile). Nel Mezzogiorno e in
Italia invece si registra una contrazione dei disoccupati dovuta sia alla componente maschile
sia a quella femminile.

News

Lascia un commento